Skip to content

Punti di vista

07/04/2009

Naturalmente non c’è nulla di male nel fatto che Piero Ostellino pubblichi un saggio dal titolo “Lo stato canaglia – come la cattiva politica continua a soffocare l’Italia” (Rizzoli). A me il titolo basta e avanza per dire che non sono d’accordo, perché penso che siano semmai la cattiva finanza, la cattivissima magistratura e il pessimo giornalismo – o per meglio dire, il loro perverso intreccio – a soffocare la buona politica (e ad alimentare la cattiva). Resta il fatto che Ostellino ha tutto il sacrosanto diritto di scrivere il suo libro e di sostenere le sue tesi, ci mancherebbe. L’unica cosa che trovo davvero intollerabile è che nel recensirlo con parole alate, come fanno da settimane fior di giornalisti e commentatori su tutti i nostri maggiori quotidiani – tutti pienamente consenzienti, per non dire entusiasti – l’aggettivo più usato sia “anticonformista”. Mi chiedo quali parole useranno per il prossimo saggio, in cui certo Ostellino fornirà al lettore la chiave interpretativa delle sue originali teorie, e che immagino intitolerà: “E’ tutto un magna-magna”.

2 commenti leave one →
  1. ilprimopasso permalink
    08/04/2009 11:40

    C’è un pizzico di invidia in tutto il post. Oppure spero di sbagliarmi…

  2. francesco cundari permalink
    08/04/2009 12:21

    Direi che le tue speranze sono ben riposte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...