Skip to content

Pluralismo dell’informazione

12/12/2010

Con il leader ci sono tutti i dirigenti. (…) Ma le assenze contano quanto le presenze, anzi di più. Lassù non ci sono né Sergio Chiamparino, né Matteo Renzi, né Nicola Zingaretti. Cioè i tre esponenti che sono in cima al toto-segretario del futuro. (…) E pensare che un tempo per la foto di gruppo con i dirigenti del partito e il segretario si sgomitava. Ora non è più così: anzi, i possibili leader del futuro si defilano. Renzi, addirittura, percorre solo pochi metri del corteo e poi se ne va: “Spero che il Pd passi dalla protesta alla proposta e viva libero dall’ossessione di Berlusconi”.

Maria Teresa Meli, Corriere della sera

Lui, Matteo Renzi, si fa vedere solo all’inizio del corteo, toccata e fuga. Giusto il tempo per capire che l’aria che tira non è granché e leggere qualche cartello del tipo: “Renzi ad Arcore, Bersani a Palazzo Chigi”. O anche: “Se questi sono i ‘giovani’ ci teniamo i vecchi…”. Gentili, educati, “perbene”, come li definisce Nicola Zingaretti, questi del Pd, ma sul palco, alla fine, ci andrà, a nome dei “rottamatori”, Pippo Civati. Renzi evita così fischi sicuri: “E’ una giornata importante ma devo scappare. Ho un appuntamento con Benigni”.

Alessandra Longo, Repubblica

One Comment leave one →
  1. 12/12/2010 23:32

    dire che renzi possa essere un futuro leader del pd va contro tutti i miei principi. Ma è mai possibile che quando ce n’è bisogno non ci sia mai un sacchetto per vomitare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...