Skip to content

Il seduttore

09/01/2015

A casa mia non si raccontavano molte storie dei tempi del fascismo e della guerra. Una delle poche eccezioni era quella del soldato tedesco che cercava di farsi bello con mia nonna, che bella lo era sul serio, indicando il cane e dicendole: “Io ebrei riconoscere a vista, mio cane a odore”. Fortunatamente, come la maggior parte di simili vanterie maschili, anche questa era completamente infondata (tanto per l’uomo quanto per il cane).

La storia mi è tornata in mente oggi, sentendo che a Parigi, a causa della strage nel supermercato kosher, sono stati chiusi i locali del quartiere ebraico e la stessa sinagoga. Leggo che è la prima volta che accade dalla Seconda guerra mondiale. E penso che debba esserci una ragione se l’unica storia di quei tempi che mi sia stata raccontata è proprio quella dell’improbabile corteggiatore nazista che voleva conquistare una ragazza ebrea vantandosi del suo infallibile fiuto per scovare gli ebrei (e di quello del suo cane).

Forse mia nonna voleva semplicemente dimostrarmi come non ci sia nulla di più ridicolo del fanatismo.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...