Skip to content

L’8 settembre del Pd

19/02/2009

Mentre Walter Veltroni prende la via di Pescara, senza portare con sé nemmeno i più fedeli consiglieri della sua Casa reale… continua

5 commenti leave one →
  1. roberta permalink
    19/02/2009 12:31

    Condivisibile.

  2. Roberto permalink
    19/02/2009 17:34

    Una domanda: ma W si è dimesso anche da shadow-premier (con conseguente venir meno dell’intero shadow-cabinet ed avvio delle consultazioni per la formazione di uno nuovo) ovvero è tuttora in carica? Perchè, ove così fosse, li ha fregati tutti: ha mollato il posto in bilico e si è assicurato altri 4 anni (minimo) di lavoro garantito …

  3. francesco cundari permalink
    19/02/2009 17:56

    è quello che mi chiedevo anch’io. suppongo si vada verso un governo balneare ombra guidato da Franceschini, con ministri tecnici

  4. 19/02/2009 23:42

    non so, per me gli scavi critici di ciccio cundari sono stati in questi 18 mesi un punto di riferimento insostituibile. stavolta non capisco cosa ci sia di male nel pensare ad un reggente provvisorio che traghetti il partito ad un congresso di contenuti e linea. penso che sarebbe stato un lavoro che avrebbe dovuto fare veltroni che però ha scelto di comportarsi diversamento (“come al solito” ha fatto notare qualcuno). quindi chi meglio del suo vice? sempre sia chiaro che si tratta di un breve traghettamento verso un momento di redifinizione della funzione storica e della identità politica di una parte (partito) della nostra società. se invece questa investitura prelude a un nuovo accrocchio indefinito e subalterno a logiche eteroclite allora hai ragione tu. non sarebbe la prima volta (che hai ragione e che si preferiscono accrocchi), quindi è probabile.

  5. 20/02/2009 00:00

    A volerla proprio dire tutta Franceschini può solo sorprenderci, perchè l’unica cosa certa è che fino ad ora non è stato esattamente un protagonista.
    La tesi di andreamasala è sensata, ma io la penso al contrario.

    Se Veltroni è il primo a scusarsi, a dire che niente è andato come doveva, che nulla è come dovrebbe essere allora beh, forse la prima e unica cosa da fare è cambiare strada. Ma non da domani mattina, da ieri pomeriggio.
    In quest’ottica, la scelta del suo vice, peraltro neanche così brillante, a me non sembra la migliore delle scelte.

    Traghettare per traghettare, meglio evitare il capro espiatorio e affidarsi ad un collegio di reggenti, oppure (e secondo me sarebbe l’unica scelta prudente) sfasciare tutto e ripartire dai circoli, votare e tirare su gente che ne abbia semplicemente voglia.

    Come ho già avuto modo di dire, l’ostacolo alla mia tesi è in chi dovrebbe deciderlo. I tacchini, come è noto, non amano il giorno del ringraziamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...