Skip to content

Clap and jump for Renzi

06/03/2014

Come buona parte della popolazione mondiale Italia esclusa, dopo la crisi economica del 2007-2008 ho riconsiderato molte delle convinzioni maturate nella mia prima giovinezza di scapestrato riformista, divenendo, con l’avanzare dell’età, parecchio più radicale (nel senso buono). Un processo autocritico lungo e sofferto, che poteva sfociare in un vero e proprio autodafé interiore. Devo quindi ringraziare la lista Tsipras, e in particolare la lista dei suoi candidati (veri e posticci), per avermi ricordato le molte buone ragioni che nonostante tutto, anche con il senno di poi, non posso non riconoscere al me stesso degli anni novanta.

***

In un duro commento sull’Huffington Post Lucia Annunziata parla di “effetto Dorian Gray” per Renzi, inteso come un precoce invecchiamento dinanzi alle inderogabili necessità della grande politica, nazionale e internazionale. Necessità che avrebbero spinto il giovane presidente del Consiglio a rifluire verso scelte, stili e toni più tradizionali (io definirei tutto questo semplicemente diventare grande).

***

E comunque sarà una vittoria a metà, sarà un risultato ancora perfettibile, ma bisogna dare atto a Renzi di avere finalmente assicurato all’Italia una buona legge elettorale, almeno in Senato.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...